top of page

FUORI DAL CICLO DEI RIFIUTI & dentro il tuo equipaggiamento!

naja-bertolt-jensen-frWkCQZhe-I-unsplash.jpg

Inquinamento da plastica negli oceani  Comprendere i problemi

L’inquinamento da plastica negli oceani è una crisi di scala enorme, che colpisce non solo gli ecosistemi marini ma anche il clima globale e la salute umana. I nostri oceani fungono da sistema di supporto vitale della Terra, regolando il clima, fornendo habitat a milioni di specie e offrendo risorse che sostengono le civiltà umane. La crescente intrusione di rifiuti di plastica in queste acque cruciali rappresenta una minaccia terribile, sconvolgendo questo delicato equilibrio e gettando un’ombra sul nostro futuro collettivo.

julia-joppien-krCTg4cKtVQ-unsplash.jpg

Fonti terrestri

80%

Si stima che circa l’80% dell’inquinamento da plastica negli oceani provenga dalla terra. Ciò si traduce in circa 8 milioni di tonnellate di plastica che entrano ogni anno nell’oceano da fonti terrestri.

Fonti Marine

20%

Il restante 20%, ovvero circa 2 milioni di tonnellate, proviene da  attività marittime.

Tipi di inquinanti plastici

hands-with-microplastics-on-the-beach-2021-08-29-23-04-38-utc_edited.png

Microplastiche

Si stima che le particelle inferiori a 5 mm costituiscano circa il 15% della massa plastica totale dell’oceano.

garbage-bag-with-plastic-and-mixed-waste-2021-08-26-22-39-59-utc.jpg

Macroplastiche

Questi sono oggetti visibili come bottiglie, borse e cannucce. Costituiscono una parte significativa, ma le cifre esatte sono difficili da quantificare.

Mappa.png

Il più grande contribuito  Regione/Paese

1 Asia

Solo la Cina è responsabileper circa il 28% dei rifiuti di plastica mondiali che finiscono nell’oceano, seguita dall’Indonesia con circa il 10%.


2 Africa

Nigeria ed Egitto contribuiscono in modo significativo, ma il loro contributo combinato è inferiore al 5%.


3 Americhe e Stati Uniti Europa

Gli Stati Uniti contribuiscono per circa l’1% alla plastica globale che finisce negli oceani, ma è uno dei paesi più esportati pro capite, con circa 105 kg pro capite all’anno.

3 immagini combinano.jpg

Industrie coinvolte

Confezionamento

Questo settore è responsabile della produzione di circa il 40% della plastica globale, la maggior parte della quale diventa rifiuto.


Tessili

Circa il 35% di tutte le microplastiche presenti negli oceani provengono da tessuti sintetici come il poliestere.


Pesca

Si stima che ogni anno 640.000 tonnellate di attrezzature da pesca vengano perse o abbandonate nell’oceano.

4 immagini combine.jpg

Possibili soluzioni

1 Riciclo ed Economia Circolare
Attualmente, solo il 9% circa della plastica globale viene riciclata. Tuttavia, la creazione di un’economia più circolare può ridurre significativamente il carico di plastica che finisce nell’oceano.

2 Materiali biodegradabili
Meno dell’1% della plastica prodotta è biodegradabile o compostabile, ma il tasso di adozione è in aumento.

3 Consapevolezza e politica pubblica
La plastica monouso è stata vietata o limitata in oltre 120 paesi a partire dal 2021.

4 Pulizia degli oceani e riconversione dei rifiuti 
Iniziative come The Ocean Cleanup mirano a rimuovere grandi quantità di rifiuti di plastica dall’oceano. Oltre alla semplice rimozione dei rifiuti, c’è una crescente attenzione nel riutilizzarli in nuovi prodotti. Ad esempio, la plastica recuperata dagli oceani viene trasformata in articoli come abbigliamento, mobili e materiali da costruzione. Ciò non solo pulisce l’oceano, ma fornisce anche una seconda vita ai rifiuti, riducendo la necessità di nuova produzione di plastica.

Fabric.jpg

Più che una semplice Borsa

Comprendere il tessuto in plastica oceanica riciclata

Il tessuto di plastica oceanica riciclata è un materiale avanzato che riutilizza la plastica scartata dagli oceani in tessuti di qualità. Raccogliamo, puliamo e convertiamo i detriti di plastica oceanica in fibre, che vengono poi tessute in tessuti durevoli. Questo processo non solo offre ai rifiuti una seconda possibilità, ma finanzia anche iniziative essenziali per pulire i nostri oceani e le nostre spiagge.

farbic - 2.jpg

Perché il tessuto in plastica oceanica riciclata ha senso?

1 Cerchio Sostenibile
Riutilizzare i rifiuti oceanici in qualcosa di utile aiuta ad affrontare il problema dell’inquinamento degli oceani e sostiene direttamente la pulizia dei nostri oceani e delle nostre spiagge.

2 Riduzione delle emissioni di carbonio
Questo tessuto genera meno emissioni di gas serra rispetto ai materiali tradizionali, contribuendo a una Terra più sana.

3 Efficienza idrica
Il processo consuma molta meno acqua rispetto ai tradizionali metodi di produzione tessile, un vantaggio sia per l'ambiente che per il tuo stile di vita.

4 Qualità duratura 
Il processo di trasformazione rafforza la plastica, rendendo le nostre borse non solo sostenibili ma anche robuste e affidabili.

5 Estetica unica 
Il materiale finale ha una consistenza e un fascino visivo distinti, arricchendo i design classici delle borse.

6 Neutralità del carbonio
In linea con gli altri nostri prodotti, queste borse sono a zero emissioni di carbonio grazie alla compensazione di CO2 di serie.

Spinning roll.jpg

Perché scegliere una borsa dalla nuova collezione di Waste2gear?

1 Design intelligente
Le nostre borse fondono la sostenibilità con il design, promettendo un equilibrio tra qualità e responsabilità ambientale.

2 Rapporto qualità-prezzo
La collezione offre un modo per essere eleganti e sostenibili senza spendere una fortuna.

3 Impatto duraturo
Una quota di ogni acquisto viene reinvestita in progetti di pulizia e sostenibilità degli oceani.

In poche parole

Scegliere una borsa della nuova linea Waste2gear non è solo un acquisto; è una dichiarazione. Selezionando il tessuto di plastica oceanica riciclata, partecipi a un impegno più ampio per la gestione e la qualità dell'ambiente.

Siamo entusiasti di viaggiare con te verso un mondo più ecologico.

bottom of page